Povero papa Francesco, tra Medjugorje e Mancuso…

Papa Francesco Su_Santidad_Papa_FranciscoMentre  imperversano le polemiche tra politici e amministratori nazionali e locali sul che fare per affrontare una immigrazione  quotidiana che  ha assunto ormai  le dimensioni di una invasione organizzata, da tempo premeditata e tutt’altro che disinteressata, sia “a monte” che “a valle”, dall’Africa  e dai paesi islamici all’Italia,  non sapendo sinceramente a chi dare ragione o torto, tra facili strumentalizzazioni di parte, parole e solidarismi  a vuoto, e problemi reali che nessuno sa bene come risolvere in modo equo e saggio, sia a livello nazionale che internazionale, io oggi preferisco soffermarmi a commentare l’ultimo discorso di papa Francesco, pronunciato ieri nel corso di una messa e ripreso dai giornali.

Discorso un po’ sibillino secondo il mio punto di vista, nel quale ha assemblato tante  affermazioni  di carattere generale,  di significato diverso, con destinatari specifici sottintesi, accostate con un equilibrismo che non so se definire di stile gesuitico, o, detto in parole povere, in politichese, o, meglio, secondo il detto “parlo a nuora perchè suocera intenda “.

E le “suocere” da ammonire, anche se non nominate espressamente dal papa, secondo me, erano due: da una parte i fedeli e i prelati che prosperano da decenni intorno ai presunti “veggenti” di Medjugorje che da 34 anni fanno i portavoce della Madonna a ore fisse attirando milioni di fedeli (e offerte),  e, dall’altra,  il teologo Vito Mancuso che era intervenuto qualche giorno prima a Genova ad un convegno – dibattito filosofico promosso dal quotidiano La Repubblica, ed aveva fatto un interessante  discorso nel quale  il punto centrale era l’invito a  riformulare la prima preghiera cristiana con questo incipit: “Padre nostro che sei in terra” (invece di Padre nostro che sei nei cieli), suggerendo quindi un modo nuovo di intendere Dio.

Dal passato remoto (tuttora presente) della fede intesa così come la intendono e vivono quelli che credono alle “apparizioni” della Madonna, qua e là e a “veggenti” di vocazione o di mestiere, al salto nel possibile futuro di una nuova fede religiosa che  travalichi le indicazioni e le formulazioni dogmatiche tramandate dalla Chiesa, e dalla Bibbia, per secoli e millenni, se non rispondono più al sentimento, alla ragione, alla sensibilità attuale e alle esigenze e ai bisogni degli uomini di oggi.

Mi pare che il pontefice  stia tra due fuochi che,  qualunque posizione prenda, possono bruciarlo (come si è bruciato, fino alle rivoluzionarie dimissioni  dalla carica di investitura divina, papa Ratzinger). Forse è per questo che è stato così “soft”, nonostante non gli piaccia questo termine.

Medjugorje- Il monte delle apparizioni Bosnia_Herzegovina_Apr-24-2012_I giornali hanno riportato e interpretato il suo discorso  solo come una anticipazione di un possibile pronunciamento critico nei confronti  del fenomeno fideistico  che si è così fortemente radicato nel popolo dei fedeli più credenti ( o creduloni….) mentre tutti  aspettano  una presa di posizione chiara e autorevole da parte della massima autorità della Chiesa, promessa dal papa dopo anni di incertezza e pareri contrastanti  di prelati di vario livello e la crescita abnorme di  un contorno mercenario-turistico fiorito intorno alla  cittadina  bosniaca. Il fatto che papa Francesco abbia comunque già affermato che “la Madonna non manda emissari”  e ironizzato sui “veggenti delle 4 del pomeriggio, fa presumere quale sia il suo pensiero a proposito di Medjugorje. Ma se  la sentenza ufficiale  finale della apposita commissione sarà di sconfessione  delle “apparizioni“, scoppierà il finimondo, perchè c’è ancora tanta parte di fedeli che di queste   forme di devozione,  più superstiziose, idolatriche e pagane che cristiane, ha bisogno; o così crede, perchè ne è stata educata fin dall’infanzia da un catechismo e da una consuetudine clericale che di questi aspetti ha fatto un punto di forza e ne  è stata fortemente nutrita e influenzata. Quel bell’esemplare di superzelante convertito che è diventato Paolo Brosio ha già scritto al papa per  testimoniargli tutti i benefici spirituali e i miracoli e le guarigioni di tumori e Sla che i pellegrinaggi a Medjugorie avrebbero  regalato all’umanità. E lo implora di darne riconoscimento ufficiale.

E poi, se si mette in discussione Medjugorje, prima o poi per coerenza bisognerà ripensare alla veridicità di apparizioni e miracoli di Fatima e Lourdes, e alla “sacra sindone”  e a tutto l’armamentario e reliquario miracolistico che sta intorno a mille Santuari e ha  fatto peregrinare milioni di fedeli per l’Italia e per il mondo; per non parlare del senso (spirituale o turistico-commerciale??!!) che si dovrebbe dare al prossimo Giubileo…

Va be’ , problema loro – posso dirlo –  perchè io a miracoli, apparizioni e reliquie  non ci ho mai creduto, anzi mi hanno allontanato dalla religione. Ma mi piacerebbe  vedere più gente (prelati e fedeli) che si affida alla ragione e alla pratica di  opere buone, oneste e giuste piuttosto che a questo tipo di fede e devozione, basata su culti esteriori, riti, processioni, pellegrinaggi e genuflessioni davanti a statue e pose ieratiche a mani giunte e con gli occhi rivolti al cielo, come se fosse questa l’essenza e il valore del cristianesimo.

Vito Mancuso 2013Per questo ho letto con interesse l’intervento del teologo Vito Mancuso che finalmente ha avuto il coraggio di  mettere in discussione anche l’idea di Dio che “sta nell’alto dei cieli”, con un “Gesù seduto alla destra del Padre“; idea , anche a mio parere, arcaica, che ci è stata inculcata dalla Chiesa e dalla Bibbia, con  i suoi racconti che  presentano un Dio  a immagine e somiglianza di uomo (come il Giove pagano stava sul monte Olimpo) e che era ora di mettere in discussione. Del resto Mancuso non è nuovo a prese di posizione che la Chiesa non ha ancora ufficialmente definito “eretiche” (oggi non sarebbe molto popolare riesumare medioevali  espressioni e scomuniche), ma che in molti nel mondo cattolico hanno criticato.
Cito solo qualche cenno da http://it.wikipedia.org/wiki/Vito_Mancuso
………  “Il pensiero di Vito Mancuso si può connotare come evoluzionismo teologico…...segue la corrente dell’emergentismo che ha una visione evoluzionista dell’essere…
…Per la rivista dei gesuiti La Civiltà Cattolica Vito Mancuso arriva “a negare o perlomeno svuotare di significato circa una dozzina di dogmi della Chiesa cattolica”, finendo così per alimentare la confusione. …..
Don Gianni Baget Bozzo ha parlato della teologia mancusiana in termini di “destino gnostico”. A tale proposito occorre segnalare anche un intervento su Famiglia Cristiana da parte di Enzo Bianchi, priore della comunità di Bose, che pure ha attribuito al pensiero di Mancuso la qualifica di gnosticismo….”

Dunque, anche se nessuno dei commentatori finora lo ha notato, la seconda parte del monito di papa Francesco era proprio diretta a Mancuso, quando ha detto, tra l’altro…. “l’identità «può indebolirsi e può perdersi». «La croce – ha continuato – è uno scandalo» e quindi c’è chi cerca Dio «con queste spiritualità cristiane un po’ eteree», gli «gnostici moderni»….” (e gnostici moderni non possono certo essere definiti i fan delle apparizioni...).

E’ evidente che il buon Francesco non  condivide affatto il balzo in avanti di Vito Mancuso, ed è ancorato ad una religiosità che non può permettersi di mettere in discussione dogmi e rituali consolidati, nel timore che crolli tutto l’impianto teologico. Anche a costo di perdere comunque un’altra parte di fedeli o ex fedeli  a cui di questi dogmi non importa più nulla.

** Intanto la cronaca  di oggi 10 giugno 2015 ci segnala questi fatti poco edificanti per la sua Chiesa che il papa  deve affrontare:

– Affidati alla Congregazione della dottrina della Fede i giudizi sui prelati che non hanno dato seguito adeguato alle denunce di abusi compiuti su minori….

– Cliniche del Vaticano – Dieci arresti (di cui tre in carcere e sette ai domiciliari, di cui 2 suore ) per il crac della Casa Divina Provvidenza di Bisceglie,…“Siamo grati al Vaticano – ha detto il pubblico ministero – perché siamo stati tra le prime autorità giudiziarie a beneficiare del nuovo corso di trasparenza e collaborazione della banca vaticana voluto dal santo padre”.
Collaborazione e trasparenza – è sottinteso ma chiaro- che finora sono sempre mancate, su gravi e reiterati fatti che – questi sì – hanno generato tanta “confusione” tra i fedeli….

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...