Delenda Gorino! Ma poi è arrivato il terremoto a distruggere altri borghi dell’Appennino

faro_gorinoDelenda Carthago!” Si  distrugga Cartagine!, tuonava Catone il Censore  nel 157 a C. nella Roma che si sentiva minacciata dalla  ribellione della  forte città rivale  nordafricana.
Ieri, molto più modestamente, ma con altrettanta virulenza minacciosa e distruttiva,  mezza Italia tramite internet e stampa tuonava contro Gorino (unica frazione di Goro in provincia di Ferrara, 600 abitanti su una striscia di terra tra Po e mar Adriatico), diventata la “vergogna d’Italia” per aver messo  4 bancali di traverso sulla strada e impedito  l’arrivo di un pullmino che doveva scaricare qui 12 donne e, si diceva, 8 bambini (ma la presenza di questi si è rivelata inventata**). Atto di ribellione stranamente riuscito perchè il Prefetto di Ferrara che aveva mandato lì il pullmino, vista l’opposizione, ha ordinato la marcia indietro e ha dirottato le migranti altrove. Apriti cielo!
“BoycottGorino!” boicottiamo Gorino! con tanto di hastag annesso, proponeva con foga e linguaggio da Santa Inquisizione nazionalpopolare un italiano per bene con un lungo post su Facebook da diffondere urbi et orbi per questa santa causa: “… Gorino vergogna, tu sei la vergogna dell’umanità, dell’Italia. Tu sei la vergogna in assoluto. Tu puzzi di fogna, tu moscon d’oro  che razzola nella merda. Tu che annulli il pensiero umano di secoli...” e via di questo passo, ottenendo tanti “mi piace ” e qualche condivisione.
E non è stato il solo a scagliare strali infuocati contro gli abitanti del paesino padano, con articoli, post e commenti di lettori indignati che li definivano come minimo “razzisti”, aggiungendo spesso altri aggettivi, insulti e considerazioni antropologiche su quegli abitanti rivelandosi, forse inconsapevolmente , altrettanto “razzisti”, dal momento che giudicavano e condannavano sbrigativamente e aprioristicamente la gente di Gorino senza conoscerla, solo in base ad una scarna notizia di stampa divulgata poche ore prima.
E’ vero che su altri siti e blog  altri lettori (l’altra metà d’Italia?) inneggiavano alla “resistenza” degli abitanti di Gorino, indicati come “eroi” e come esempio da imitare  e aggiungevano altri  aggettivi e considerazioni sui migranti “clandestini che hanno rotto” e “basta invasione”, o “questa invasione è la peste del terzo millennio…potevano lasciarli morire.“).
I blogger del Fatto Quotidiano non hanno perso l’occasione di sfoggiare un severo moralismo solidaristico a senso unico per scrivere, o titolare i loro pezzi, chi “Io non sto con Gorino”, e “Lettera agli abitanti di Gorino, con profonda vergogna” , e un  altro “con muri e barricate paese fallito“. Solo uno ha osato scrivere: facile dare la colpa agli abitanti, ma lo Stato dov’è?
Non sono mancati i politici  a dire che ” Gorino non rappresenta l’Italia  accogliente che conosciamo”, preoccupato che l’episodio offuschi la bella immagine dell’Italia che salva migliaia di vite a Lampedusa, senza preoccuparsi più di tanto poi di dove e come vanno a finire le vite salvate, e senza accorgersi che questa accoglienza indiscriminata  e mal controllata costringe comuni grandi e piccoli ad “importare” fedeli seguaci di un Islam spesso fondamentalista e succube di usi e costumi  medievali incompatibili con i nostri, lasciando crescere orrendi accampamenti e ghetti tipo Rosarno, manovalanze sottopagate in nero, futuri focolai  di disagio sociale, piccola criminalità, sfruttamento di donne discriminate e di tanti minori stranamente non accompagnati, tra cui possono emergere anche aspiranti jihadisti. Ma tutti al centro e a sinistra a dire, parola più parola meno, che “non c’è giustificazione per quanto successo” o, “nessuna comprensione per chi costruisce barricate contro chi ha bisogno”.
E naturalmente papa e vescovo subito pronti ad ammonire e a ricordare l’obbligo morale dell’accoglienza.
Più prudente stavolta Renzi che si è limitato a dire “Difficile giudicare. La popolazione è stanca”, forse finalmente consapevole, per un attimo, delle responsabilità che gravano anche sul governo italiano nella gestione dei migranti; anche se ora cerca, con qualche ritardo, di coinvolgere nella responsabilità, un’UE sfuggente  e divisa sul da farsi.

Certo è brutto lo spettacolo di pescatori che erigono barricate per impedire l’arrivo di un pullmino con donne . Ma è brutto anche lo spettacolo di un pullmino che porta una decina di povere donne, di cui una incinta, provenienti da lontani paesi dell’Africa per confinarli (nel senso letterale del termine) nell’unico ostello di Gorino, l’ultimo sperduto avamposto ferrarese sommerso dalle nebbie del Delta del Po, tra pescatori-allevatori di vongole in eterna lotta per la sopravvivenza, tra legalità e illegalità, tra chi le semina legalmente e chi gliele ruba.
Quale “accoglienza” o possibilità di integrazione si poteva mai sperare di ottenere qui? 
Brutto lo spettacolo dei leghisti che strumentalizzano l’episodio e incitano alla guerra tra poveri, ma desolante anche lo spettacolo delle autorità e dei politici di pseudosinistra che fanno gli scandalizzati e predicano la morale dall’alto delle loro comode cattedre e non si rendono conto di quanto sia sbagliato e controproducente  imporre e pretendere un’accoglienza generosa e solidale da popolazioni di paesi in cui in cui non mancano mai fabbriche e attività che chiudono e licenziano o sottopagano e si vive una realtà quotidiana di difficoltà economiche e sociali. 
Mentre di questi “migranti” spinti qui da chissà chi da qualche anno ne continuano a sbarcare a centinaia di migliaia convinti che qui tutti possano trovare condizioni di vita migliori, con che mezzi non si sa. La “colpa” maggiore non è tanto, o non solo, della gente di Gorino o di altri che rifiutano un’accoglienza improvvisata imposta dall’alto, 10 qui, 20 o 50 là, dove si trova un edificio qualsiasi in cui parcheggiarli, ma di chi ad alto livello politico nazionale e internazionale non ha capito la portata e le conseguenze sociali ed economiche di questa ormai annosa e forzata deportazione di massa di popoli dall’Africa, dal Medio Oriente e dall’Asia all’Europa, e non ha saputo o voluto porre un freno e gestire il problema all’origine, e colpire sul serio registi e trafficanti di uomini. 
E ora fa la predica ai “polli di Renzo” con le zampe legate che si beccano tra loro.
Oggi sui giornali comincia a comparire anche qualche articolo che va a vedere l’aria che tira a Gorino, intervista un po’ di gente e riconosce che forse  tanto o solo razzista non è;  qualcuno ricorda  l’ospitalità data e ricevuta in occasioni passate di alluvioni e piene del Po, le difficoltà di vita e lavoro,  recenti e di sempre,  si sottolinea l’infelice gestione delle autorità con l’invio  di quelle povere donne  in questo sperduto paesino, requisendo in poche ore e senza avvertire nessuno l’unico locale pubblico con qualche possibilità di  vita sociale e accoglienza turistica.
Ma ieri sera ci sono state nuove scosse di terremoto, e la natura, ancora una volta ha mostrato il suo lato  distruttivo infierendo su altri antichi borghi dell’Appennino dell’Italia centrale, sbattendo sulla strada altre migliaia di persone alle quali bisognerà trovare riparo e dare assistenza.
Gorino, per ora, è “salva” dalla distruzione mediatica (anche se per taluni resterà bollata per sempre come paese”razzista” e per altri “eroico”).
 **AGGIORNAMENTO DEL  6 NOVEMBRE
 A dimostrazione  della persistenza dell’eccesso di zelo accusatorio contro la gente di Gorino che anima i giornalisti anche illustri del “politicamente corretto” (ma scorretto quanto alla veridicità delle informazioni su cui  basano i loro anatemi),  sull’ultimo numero del Venerdì di Repubblica uscito il 4 novembre, Michele Serra e Enrico Deaglio nei loro commenti hanno continuato a citare  la presenza degli 8 fantomatici bambini che avrebbero dovuto essere sul pullmino insieme alle 12 donne respinte al mittente. Bambini che non c’erano, per esplicita dichiarazione dell’Agenzia ferrarese che si occupa dei rifugiati minori; dichiarazione ignorata dalla stampa e dai giornalisti che non si sono premurati di accertarsene, perchè il rifiuto di accogliere bambini  dava un ottimo pretesto per rendere più efficace il “pezzo” di condanna del fatto e della gente di Gorino. Anche questa è strumentalizzazione, di segno opposto ma pari a quella dei leghisti.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...