Immigrazione e emigrazione di ieri e di oggi. Dove sta la differenza

11-nave carca emigranti a buenos airesL’approdo in Italia  di centinaia di migliaia di “migranti” clandestini provenienti da vari Paesi dell’Africa e dell’Asia, quasi sempre senza documenti, scaricati sulle coste italiane dalle navi di “salvataggio” delle ONG, Organizzazioni non governative che li prelevano da gommoni in voluta avaria nel Mediterraneo, portati da trafficanti di esseri umani provenienti dalla Libia, è l’argomento di maggior attualità in Italia; anche perché a queste centinaia di migliaia di profughi e/o clandestini poi l’Italia deve provvedere con fondi del Bilancio nazionale per sostenere gli alti costi dell’accoglienza, del mantenimento per anni in centri appositi in attesa di identificazione e stabilire se hanno o no diritto al riconoscimento dello status di rifugiato. Quindi si dovrebbe poi provvedere al rimpatrio dei non aventi diritto (la stragrande maggioranza); rimpatrio che si rende di fatto impraticabile per gli alti costi, e anche perché i paesi di origine, o altri Stati europei, non li vogliono, e perché nel frattempo molti si rendono irreperibili, o cercano di scappare altrove, o si imbucano nel mare magnum della clandestinità, tra lavoro nero, sottopagato, o tra le spire del caporalato, o restano parcheggiati sine die in Centri di accoglienza  su cui lucra la criminalità organizzata (vedi inchieste su Mafia capitale, Cara di Mineo e di Isola Capo Rizzuto).

Molti cittadini e alcune forze politiche di opposizione stanno contestando e protestando contro questo anomalo ed esorbitante fenomeno, che nasce e si espande nell’illegalità e rende impossibile una reale integrazione, sia sul piano sociale che economico, di tanti “migranti”, con una situazione nazionale di altissimo deficit di bilancio e diffusa disoccupazione ( e con una densità media di popolazione di circa 206 abitanti per Kmq, una delle più alte in Europa).

Qualche magistrato sta conducendo indagini per fare chiarezza su questa situazione e vedere se non ci siano interventi illeciti anche da parte delle stesse ONG che favoriscono questo continuo traghettamento di clandestini sulle nostre coste, in atto ormai da anni e sempre crescente. E’ evidente che se c’è chi mette volutamente, e a fini di lucro, migliaia di persone  in situazione di pericolo in mare, poi  di fatto si costringono altri a impegnarsi nel salvataggio per evidenti ragioni di umanità e secondo le leggi del mare; e se questi altri , nel caso le navi delle ONG, stazionano stabilmente  sul limite delle acque territoriali in attesa dei candidati al naufragio, di fatto completano e favoriscono l’opera dei trafficanti, che ritornano a carico pieno ogni giorno.
Molti si chiedono anche se questo debba essere il compito delle organizzazioni non governative, alcune di recente istituzione e altre nate decenni fa con lo scopo  originario di prestare assistenza sanitaria o economica alle popolazioni dei paesi sottosviluppati “a casa loro”; e per questo ricevevano e ricevono contributi da singoli privati e da  istituzioni  pubbliche. Ora ci si chiede il perchè di questo recente  loro costosissimo interventismo su navi nel Mediterraneo per favorire una trasmigrazione di masse di diseredati che non risolve i problemi degli Stati all’origine (conflitti, carestie, miseria, sovrappopolazione, degrado..) e ne crea tantissimi al punto di arrivo.

Ma a tutti quelli che sollevano dubbi si sta opponendo una levata di scudi di autorità di governo, dal presidente della Repubblica al Papa, a religiosi, scrittori e giornalisti che accusano di strumentalizzazione politica antigovernativa, razzismo, fascismo, o quantomeno di mancanza di solidarietà e umanità quanti non plaudono all’accoglienza indiscriminata di tutti e a questo “salvataggio di vite” programmato e organizzato come una catena di montaggio tra gli scafisti e le ONG, che peraltro non riesce ad evitare la morte in mare di migliaia di questi deportati , e le vessazioni, torture e sfruttamento di cui sono oggetto  in Libia e nei lunghi viaggi  dai luoghi di partenza.
Per giustificare l’obbligo morale alla accoglienza ci si richiama sempre al passato e al fatto che anche noi italiani siamo stati emigranti, mettendo sullo stesso piano l’emigrazione dei “nostri” nella seconda metà dell’800 e inizio ‘900 e queste migrazioni forzate in atto da alcuni anni verso l’Italia e l’Europa, che per certi aspetti sembrano più una deportazione di schiavi che una normale emigrazione come si è sempre registrata nella storia dei popoli.

Ma si sta facendo un grosso errore di interpretazione e valutazione, sia della storia che del presente, perché i due fenomeni non sono comparabili e presentano solo in parte aspetti comuni, ma ne presentano tanti altri totalmente diversi, soprattutto nelle modalità e nel fatto che nessuno Stato in passato si faceva carico del mantenimento degli immigrati, che dovevano arrangiarsi a mantenersi da soli col loro lavoro, se e quando ce ne era la possibilità.

Va ricordato infatti che i nostri nonni che emigrarono per sfuggire a condizioni di miseria e di fame in Italia, partivano (con o senza famiglia) con il passaporto rilasciato dalle autorità, avevano un mestiere alle spalle, erano contadini, muratori, artigiani, e andavano in paesi poco popolati e in espansione, dove c’erano richieste e tante possibilità di lavoro, nelle fattorie, piantagioni, miniere, edilizia, nuove strade, ponti, ferrovie da costruire; erano animati dalla volontà di costruirsi una nuova vita nel rispetto delle leggi locali  e volevano integrarsi nel nuovo mondo. Restavano se trovavano lavoro e si mantenevano quindi da soli, nessuno Stato li manteneva gratis, se non in certi casi, per i primi giorni; o, in altri casi, gli si anticipava il pagamento del viaggio, da restituire. Ma poi se non riuscivano a trovare lavoro stabile o se la situazione dello Stato di arrivo non offriva più possibilità per sopravvenute crisi economiche interne, dovevano andarsene altrove e/o tornare in Italia, pagandosi il viaggio di tasca propria o con l’aiuto di parenti se erano rimasti in miseria.

Emigrazione e immigrazione erano comunque sempre regolamentati, in partenza e in arrivo, da ogni Stato, secondo le rispettive esigenze di manodopera e la situazione economica in atto.

Peraltro, anche tutti gli italiani di oggi che emigrano, non vanno a farsi mantenere da nessuno e nessuno li mantiene; ma si mantengono da soli se e quando trovano lavoro.
Questa follia attuale dell’accoglienza indiscriminata con la pretesa che lo Stato italiano si faccia carico di migliaia di persone senza documenti e senza alcuna meta definita, scaricate a getto continuo sulle coste italiane, in nome di una “solidarietà” astratta, predicata quasi sempre da personaggi autorevoli ben pagati e protetti, e imposta a cittadini comuni su cui poi di fatto ricade il peso dei costi economici e sociali di questa accoglienza, non sarà sostenibile a lungo.

Se poi ci aggiungiamo il fatto che la maggior parte dei “migranti” attuali sono di pelle nera e anche in buona parte fedeli di religione islamica,  la percezione più diffusa è che si stia  praticando una  forzata immissione di gruppi di  persone totalmente estranee al tessuto sociale di paesi e città dove vengono distribuiti e collocati (o “parcheggiati”) . Di conseguenza  è comprensibile che queste immissioni siano vissute con ostilità o diffidenza reciproca; quando non sconfinano in generalizzato rifiuto e  xenofobia. Senza contare le ovvie strumentalizzazioni che del disagio fanno i partiti di opposizione (che altrettanto ovviamente puntano ad accrescere il proprio consenso popolare).

E’ abbastanza comprensibile che l’integrazione di immigrati in una comunità locale sia più facile e attuabile se c’è affinità culturale, di costumi di vita, e di fede religiosa. Il “multiculturalismo” che tanti sembrano  considerare come un obiettivo raggiungibile e auspicabile  per poter vivere tutti  insieme in pace nella diversità, dove è già stato messo in atto, soprattutto  nei confronti degli immigrati di religione islamica, non ha dato i frutti sperati, creando spesso situazioni di disagio sociale, incomunicabilità, ghettizzazioni, enclave dove si osserva la legge islamica prima di quella nazionale, con manifestazioni di ribellione fomentata dall’integralismo religioso, sconfinante in tanti casi in atti di terrorismo compituti da giovani  discendenti da immigrati di decenni fa, tutt’altro che ben integrati, ma animati da odio per l’Occidente anche quando messi in condizioni di vita accettabili. Vedi quanto accaduto in Belgio, Francia, Germania e Inghilterra, ma anche in Danimarca o Svezia.
Servirebbe quindi un approccio più razionale e realistico, al di fuori degli opposti estremismi dei “buonisti” e di “cattivisti”, per frenare questo esorbitante fenomeno migratorio all’origine e ricondurlo entro binari di legalità e limiti di sostenibilità, con gestione e bilanci  alla luce del sole, nell’interesse di tutti, migranti, cittadini  e ONG.

Così come  si è proceduto finora, a beneficiare di questa anomala immigrazione sono stati scafisti e trafficanti di esseri umani “a monte” , e criminalità organizzata  o improvvisata localmente “a valle”. A pagare  sono gli stessi migranti, prima per il pericoloso e illusorio viaggio e poi  per l’assoluta incertezza sulla loro sistemazione presente e improbabile integrazione futura. Infine, pagano  gli italiani, come cittadini contribuenti dello Stato per gli alti costi  di “salvataggi”, accoglienza  e mantenimento; e, in molti casi pagano anche come donatori volontari  di  contributi alle ONG per compiti impropri che non sono quelli originariamente stabiliti, dichiarati e propagandati fino a qualche anno fa. Per non parlare degli squilibri che si sono verificati nel mondo del lavoro e qualche disagio sociale in più sul piano della sicurezza.

*** Per chi avesse tempo e voglia di saperne di più sull’emigrazione di un secolo fa, riporto qui alcune pagine di una mia ricerca di anni fa confluita nel libro “I Mastellari da Argile alle Americhe. Storia di Filippo e Amadeo, un pittore e un muratore che varcarono l’oceano in cerca di fortuna” (leggibile integralmente al link https://magdabarbieri.wordpress.com/category/libri/

Da pag. 25-29

10-emigranti in attesa al portoCome già accennato in capitolo precedente, va ricordato che in quegli anni era in atto un forte fenomeno migratorio dall’Italia (e non solo) verso il continente Americano, nord, centro e sud. Secondo una statistica pubblicata su Internet1, che si basa su fonti ISTAT, tra il 1886 e il 1890 emigrarono dall’Italia un milione e 110 mila persone, di cui 871 mila uomini. Notevole fu anche la “fuga” dall’Emilia e da Bologna e provincia, anche se, rispetto ad altre regioni, il fenomeno fu meno consistente. Stando ai dati pubblicati nello stesso sito sopra citato, nel ventennio tra 1880 e 1900, dall’Emilia emigrarono in media 3 abitanti su 1000, mentre dal Veneto ne emigrarono 20,31, dalla Basilicata 16,52, dal Piemonte 9,94. In cifre assolute, è scritto che dall’Emilia Romagna emigrarono 220.745 persone, tra il 1876 e il 1900, e altre 469.429 tra il 1901 e il 1915.  ……..

L’emigrazione verso il continente americano non fu fenomeno solo italiano. Risulta infatti che tra il 1892 e il 1924, più di 22 milioni di immigrati, provenienti in gran parte dall’Europa, ma anche da altri continenti, sbarcarono ad Ellis Island, il punto di approccio, raccolta e smistamento presso New York, utilizzato soprattutto da chi era diretto verso gli Stati del nord, Usa e Canada, ma anche da chi voleva reimbarcarsi poi e dirigersi verso quelli del Centro o il Sud America.

Genova e Napoli erano i porti italiani da cui partivano in prevalenza gli emigranti provenienti da tutte le regioni, diretti verso le Americhe, su navi a vapore e bastimenti delle maggiori compagnie di navigazione, che, insieme alle Agenzie Marittime, e con l’aiuto di agenti, subagenti, mediatori e sensali locali, svolgevano una intensa azione di propaganda per indurre all’emigrazione masse di poveri contadini, braccianti e muratori disoccupati o male occupati.
E’ stato scritto che il Brasile nel 1895 disponeva in Italia di una rete formata da 34 agenzie e più di 7.000 sub-agenti che giravano le fiere di paese con compiti di reclutamento2.
7-Cartina centroAmerica politica a coloriAlla Prefettura di Bologna nel solo anno 1889 furono diverse le domande presentate per ottenere la licenza di Sub-agente con autorizzazione ad operare nella provincia di Bologna. Tale licenza era diventata infatti obbligatoria in base alla prima legge sull’emigrazione, emanata giusto il 30 dicembre 1888 dal governo Crispi. Licenza generalmente concessa, e poi solo in qualche caso revocata o sospesa per inadempienze o scorrettezze accertate
3. Le Agenzie che risultano rappresentate, stando alle carte bolognesi, erano quelle della “Società Unione marittima Italiana”, la “Navigazione Generale Italiana”(Società riunite Florio e Rubattino), l’”Agenzia Generale Marittima”, la “Società La Veloce – Navigazione Italiana a vapore”, la “Ditta fratelli Gondrand”, la “Parodi Ernesto di Nicolò – Conservatori del mare”, con sedi centrali generalmente a Genova e Agenti e Sub-agenti di Bologna, Crevalcore, S. Agata o nella Romagna.

Il Brasile fin dal 1867 aveva promulgato una legge a favore dell’immigrazione, facendosi carico del viaggio, per avere manodopera disponibile da impiegare nelle grande piantagioni di caffè dei fazendeiros, proprietari di grandi latifondi o aziende. Ma di emigranti ne arrivavano così tanti da rendere impossibile il loro collocamento e i nuovi arrivati, come tanti prima di loro, versavano “nella più squallida miseria ” e alla mercé di epidemie di febbre gialla che causava grande mortalità. Così scriveva infatti il Ministero dell’Interno in una Circolare del 7 marzo 1889, mettendo in guardia chi volesse partire. Anzi si allegavano telegrammi del Capo del Governo, Crispi, o del ministro dell’Interno, che vietavano ad Agenti e Sub-agenti di reclutare altri emigranti per il Brasile e intimavano ai prefetti di sospendere o ritardare il rilascio dei passaporti per quella destinazione (Porto Alegre o San Paolo). Disposizioni che devono essere state ignorate o sospese poco dopo, perché nel 1890 di richieste e di concessioni di passaporti per il Brasile ne abbiamo viste tante.

A braccianti e contadini i Governi di altri paesi del Centro o Sud America e gli Agenti delle compagnie di navigazione promettevano il rimborso posticipato delle spese di viaggio e persino l’assegnazione gratuita di appezzamenti di terra (Uruguay), per attirarli a bonificare terre aride e impervie o per lavorare alla costruzione delle ferrovie allora in grande sviluppo, in climi malsani e situazioni sanitarie infestate da epidemie. Gli archivi sono pieni di carteggi in proposito e di circolari del ministro dell’Interno, Berti, ai Prefetti perché diffondessero le informazioni sulle situazioni reali di quei paesi e mettessero in guardia dai contratti-capestro degli Agenti delle compagnie di navigazione o degli impresari di grandi lavori ferroviari. Raccomandazioni spesso inascoltate.
Al contrario di detti Stati del Centro e Sud America, gli Stati Uniti, nel 1885, avevano invece emanato una legge che vietava a privati, Compagnie, Associazioni o Corporazioni di pagare anticipatamente il viaggio o stipulare anticipatamente un contratto di lavoro agli emigranti, per scoraggiare l’emigrazione, già rilevantissima in USA, più e prima che altrove, e per scoraggiare appunto anche il dilagare dei succitati contratti – capestro utilizzati dagli speculatori.
Ma la confusione era grande, e le leggi poco conosciute e poco o mal applicate.
Riportiamo qui, a titolo di esempio, il testo di una circolare del ministro dell’Interno, L. Berti, datata 26 luglio 1889, diretta a Prefetti, Sotto Prefetti e Sindaci del Regno, e con oggetto l’emigrazione in
Chilì (il Cile).

16-Circolare Ministro Berti per Chilì.1889Partono con qualche frequenza per il Chilì comitive numerose di operai italiani messi assieme da speculatori sulle piazze di Genova, di Marsiglia e di Bordeaux con promesse di sicura occupazione ed alte mercedi in lavori di strade ferrate, miniere e simili. Ma arrivati a destinazione i nostri braccianti incontrano tante e tali difficoltà a trovare lavoro, che finiscono per abbandonare quel paese ridotti a male dagli stenti e dalle privazioni e per andare in cerca di migliore ventura in altre regioni.
Il governo del Chilì è benevolo per verità verso gli emigranti; li ricovera e mantiene a sue spese per i primi quindici giorni dall’arrivo, durante i quali devono cercarsi un collocamento. Ma siccome mancano i lavori pubblici e le imprese di colonizzazione, ed i privati preferiscono per ragioni di razza e di lingua gli operai spagnoli e portoghesi e non curano i nostri, questi, licenziati dai ricoveri governativi, si trovano alle prese con la fame.
I nostri operai devono quindi diffidare di coloro che li eccitano ad emigrare al Chilì, perchè l’emigrazione è, a quella volta, almeno per ora, disastrosa.
Si prega di rendere pubbliche queste notizie nei soliti modi”

Circolari del Ministero degli Interni e Bollettini del Ministero degli Affari Esteri con informazioni sulla situazione dei vari Paesi esteri e raccomandazioni simili si susseguivano più volte ogni anno4.
Ciò nonostante, le richieste di passaporto alla questura di Bologna per espatriare furono tante, anche se non quantificabili per mancanza di dati esatti. E ci furono anche tanti casi di rimpatrio, perchè il “sogno americano” si era rivelato un incubo. Tra i carteggi letti in archivio nel fondo della Prefettura5, citiamo solo il caso sfortunato di un giovane di S. Agata bolognese, Enrico Canè, che, nel 1890 in Brasile, trovandosi in “condizioni critiche”, chiese aiuto alle autorità per rientrare in patria e dovette farsi mandare i soldi dal padre: 240 lire, cambiate in sessantamila reis, moneta brasiliana, per pagare il piroscafo Adria da Rio de Janeiro a Genova; e occorrevano altri 23.320 reis per rimborsare altre spese colà sostenute.…..

pag. 18-21
Del resto doveva essere molto improbabile che (un emigrato argilese, ndr) potesse mettere da parte dei risparmi da inviare in Italia se la situazione in Brasile in quegli anni era quella descritta dai Bollettini del Ministero degli Affari Esteri e dalle circolari del Ministero dell’Interno.
Consta al regio governo – era scritto nell’estratto dal Bollettino del novembre 1897 con“Notizie concernenti l’emigrazione italiana”che taluno tenta di raccogliere, nel regno, un certo numero di famiglie agricole per avviarle, per la via di Rio de Janeiro, allo Stato di Espirito Santo, nel Brasile. Ricordiamo ai nostri contadini che vige tuttora il divieto emanato dal regio ministero dell’interno nel 1895, per cui gli agenti italiani non possono fare operazioni di emigrazione per l’Espirito Santo. Ma oltracciò da tenersi in conto che le condizioni degli emigranti italiani in detto Stato sono assai critiche, e che essi non si sentono del tutto tranquilli dopo i dolorosi fatti che cagionarono, in San Giovanni Petropolis, la morte di vari nostri connazionali ed il ferimento di altri.
Bisogna dunque che gli agricoltori italiani resistano a qualunque lusinga e che rifiutino ogni proposta, che loro venisse fatta per indurli ad emigrare alla suddetta regione”

Nel Bollettino del Ministero degli affari Esteri” del maggio 1898, riguardo all’emigrazione a San Paolo in Brasile, secondo il rapporto del Cav. L. Gioia, regio Console Generale, questa era la situazione:
Per l’aggravarsi della crisi economica, prodotta dal ribasso sul prezzo del caffè e dal deprezzamento continuo della carta-moneta, si rende ogni giorno più difficile per gli emigranti nuovi arrivati di trovare una collocazione qualsiasi che procuri loro non l’agiatezza, ma i semplici mezzi di sussistenza. Per motivi di economia vennero sospesi parecchi dei grandi lavori dello Stato, dei municipi e delle società ferroviarie, le imprese private si limitano al puro necessario, le costruzioni urbane, prima numerose, ora son divenute rare; i banchi, le case di commercio, gli uffici in generale non accettano nuovi impiegati e non sostituiscono gli uscenti con altri; infine, l’incertezza dell’avvenire e la sfiducia si ripercuotono in tutti i rami del commercio e delle industrie.
Nelle campagne le condizioni non sono migliori, giacchè non pochi dei proprietari si trovano dissestati nei loro interessi, ed i coloni non possono, se non con molte difficoltà, ottenere almeno una parte di quanto loro dovuto. Tutto ciò costituisce attualmente una situazione sfavorevole per chi voglia tentare la fortuna in questa regione, e perciò è da sconsigliare assolutamente di emigrare a chi, per lo meno, non eserciti un mestiere determinato, come di muratore, falegname, calzolaio, sarto, cuoco. ecc.. o non abbia qui qualche parente od amico cui appoggiarsi per essere sovvenuto durante alcuni mesi, poiché si esporrebbe ad andare incontro a sofferenze superiori a quelle cui egli crede di sfuggire lasciando l’Italia.
L’unità monetaria che è il mil reis, del valore, col cambio pari, di lire 2,84, vale attualmente 60 centesimi circa. Un discreto operaio può guadagnare in media cinque mila reis al giorno, cioè circa lire 3, mercede che, dato il caro degli alloggi e di non pochi oggetti di prima necessità, rappresenta un compenso meschino, impari ai più semplici bisogni di vita.
In peggiori condizioni poi si trovano coloro che fingendosi agricoltori, vengono gratuitamente in questo Stato coll’immigrazione ufficiale. Quivi giunti ed internati nelle Fazendas, tostochè vengono riconosciuti inetti ai lavori agricoli, spesso vengono colpiti da gravi infermità per le dure condizioni d’esistenza e di lavoro cui devono assoggettarsi, essi sono costretti a passare attraverso le più penose peripezie, senza aver neanche la sicurezza di poter far ritorno in quella patria abbandonata tanto leggermente e che, dopo, inutilmente rimpiangono”.

Sull’emigrazione nello Stato di Minas Geraes (così chiamato per le sue importanti miniere) era scritto nel Bollettino del Ministero degli affari esteri del settembre 1900 – Rapporto del cav. E. Negri…regio console in Juiz de Fora

Nella mia breve permanenza in Bello Horizonte, nuova capitale di questo Stato, ho dovuto purtroppo constatare le deplorevoli condizioni economiche della maggior parte dei nazionali, non solo operai, ma anche di quelli appartenenti alla classe più colta, come architetti, intraprenditori di lavori, ed altri. Per causa dell’inevitabile periodo di sosta dopo terminata la costruzione del primo nucleo della incipiente città ed a motivo della strettissima economia cui si vide ridotto il governo di Minas per ristaurare le sue finanze, non si trova attualmente alcun lavoro per procurare qualche guadagno agli italiani, la cui situazione diviene di giorno in giorno più critica.
Persone di civile condizione, giunte pochi anni sono dall’Italia con un discreto capitale, si vedono arrivare al punto di chiedermi il viaggio gratuito per rimandare nel regno le proprie famiglie… E’ perciò necessario portare questo stato di cose a notizia dei sindaci del regno, affinché con opportuni consigli risparmino ai loro amministrati la sventura di emigrare a Bello Horizonte ed, in generale, allo Stato di Minas Geraes, se non abbiano la precisa sicurezza di avere qui una immediata e ben rimunerata occupazione”.
….
Lo scontro con la nuova realtà è molto forte, le difficoltà sono tante, dal senso di smarrimento al problema della ricerca del lavoro, dal costo della vita alla disillusione del viaggio. Le illusioni o le speranze svaniscono, pervade il pentimento e sopravviene la decisione del ritorno…ma “il rimpatrio non si può concedere”.

E ancora, sull’emigrazione al Parà (Brasile) – Dal Bollettino del Ministero degli affari esteri, settembre 1900 .Da qualche tempo giungono qui artisti di canto…Giungono pieni di speranze, perché si è detto loro che il clima di questo Paese è sano, la vita facile ed il guadagno grande. Che avviene poi? Appena sbarcati si accorgono che le cose stanno in ben altro modo; ma oramai è tardi e bisogna che rimangano. A certi artisti si disse che bastano tre lire al giorno per vivere, mentre la loro paga era di 300 franchi mensili; la verità è, invece, che qui, per vivere modestamente, senza privazioni, non sono sufficienti 20 mila reis al giorno (circa 25 franchi)… Il vitto, poi, è carissimo… e poi l’acqua si paga e la lavatura e stiratura d’una camicia costa mille reis.
Il lavoratore, l’operaio scende dal piroscafo pieno di salute, di coraggio e d’illusioni: ma poco dopo piange amaramente, imprecando a chi l’ha indotto ad abbandonare il proprio paese. Dopo aver consumato i pochi risparmi portati con sé, va al regio vice consolato per chiedere un aiuto, ed il rimpatrio, che là non si può concedere. L’anemia propria dei paesi equatoriali, s’impossessa, dopo tante privazioni, del suo organismo, cosicché perde presto l’energia morale o la salute”.
Spesso la colpa è della cattiva informazione, si diffondono voci mendaci di opportunità di lavoro in un Paese e la verità si apprende solo una volta arrivati alla meta. In questi casi utilissima è la diffusione dei comunicati dei Bollettini ufficiali, che informano sulle reali opportunità”.

Ciò nonostante il flusso migratorio di italiani verso il Brasile fu ancora rilevantissimo: evidentemente l’esca del viaggio di andata gratis, garantito da una legge del governo brasiliano del 1867, aveva un potere di attrazione che superava qualsiasi altra remora. In particolare, fra il 1892 e il 1910, 70.000 italiani emigrarono nel Minas Gerais. La maggioranza erano contadini dell’Emilia-Romagna, Veneto, Calabria e Campania…..

Eppure i racconti di alcuni emigrati in precedenza riferivano di difficoltà e condizioni di vita disumane: malattie, insetti parassiti sempre presenti e insidiosi, serpenti velenosi in agguato per chi girava scalzo, guadagni miseri. Tanti avrebbero voluto tornare ma non ne avevano i mezzi. Altri emigrarono ancora verso l’Argentina che pareva più vivibile e accogliente.
……
Va ricordato che nel 1901 fu emanata una legge che regolamentava l’emigrazione, soprattutto riguardo alle condizioni di trasporto sulle navi a vapore, per assicurare maggior controllo per l’igiene e le condizioni di vita e per contrastare truffe e raggiri, purtroppo frequenti, a danno dei poveri emigranti, compiuti da agenti e sub agenti senza scrupoli.

Oggi gli oriundi italiani in Minas Gerais sono 2 milioni di persone (10,6% della popolazione), di cui 1 milione vive nella città di Belo Horizonte e il resto soprattutto nel sud dello stato. E sono quelli che “ce l’hanno fatta”, sia pur a prezzi di sacrifici enormi.  …….

*** NB Pagine estratte dal libro di Magda Barbieri “I Mastellari da Argile alle Americhe”

2Primo Silvestri“L’emigrazione dell’Emilia Romagna in Argentina” vol. IX, 1992, pag. 11, fonte Angelo Trento “Do outro lado do Atlantico, un seculo de imigracao italiano no brasil”. Istituto Italiano di cultura di San Paolo-Istituto Cultural Italo-Brasileiro. Ed. Nobel 1989, San Paolo-Brasile

3A.S.Bo. Prefettura. Gabinetto n. 703 – a. 1889/ e n. 746 a. 1890

4Tutti i bollettini e le circolari citate sono presenti in A.C. Argile nei fascicoli Esteri delle annate indicate nel testo

5A.S.Bo Prefettura. Gabinetto a. 1890, n. 746

PS. Va ricordato infine che la popolazione di tutto il Continente America,  Nord, Sud e Centro, è frutto per la stragrande maggioranza della emigrazione -colonizzazione  iniziata dopo la sua scoperta nel 1492, e proveniente da Spagna, Portogallo, Inghilterra, Francia, Italia e altri Stati europei e asiatici, integrate anche con la  massiccia importazione di schiavi dall’Africa. Le popolazioni autoctone o indigene, già molto ridotte e divise in tribù spesso in lotta tra loro,  furono ulteriormente decimate o confinate in piccole enclave, e solo in parte via  via nel tempo integrate nel tessuto sociale  costituito.

Il bikini e la libertà delle donne non islamiche in Occidente

donne-in-bikini-e-burkini-image-680x380Nel pieno delle polemiche scoppiate  in seguito al caso del burkini, e mentre alcuni si affannavano ad evidenziare  la condizione di privazione della  libertà delle donne islamiche, costrette a coprirsi da capo a piedi in pubblico e pure al mare, tanti nostri intellettuali, maschi e femmine, si sono prodigati  ad evidenziare che anche le nostre donne occidentali non islamiche non sarebbero in realtà libere di vestirsi o svestirsi come vogliono, perchè costrette a indossare succinti bikini dalle mode  imposte da un “potere mercantile” che vuole il corpo femminile esibito come un umiliante “richiamo sessuale”.
Esempio di questo zelo da mea culpa in confessionale nello stigmatizzare “gli stereotipi sulla libertà delle donne” , tanto da mettere sullo stesso piano i limiti alla libertà subiti dalle islamiche e quelli subiti dalle non islamiche, è un articolo di Dacia Maraini sul Corriere del 13 settembre scorso.
E’ da considerarsi una libera scelta – si chiede tra l’altro la Maraini – quella di usare un costume (tipo tanga) che mette in evidenza, spesso in maniera sfacciata  e brutale le parti più sessuate del corpo femminile?” Aggiunge poi la domanda parallela: “E’ vera libertà  quella di coprirsi in modo che tutto quello che può sfiorare le parti sessuate venga nascosto e la parte non possa  mai vedere il sole?” E fin qui il dubbio amletico ci può stare.
Ma non ci può stare  la successiva affermazione: ” …Ma se guardiamo le cose da un punto di vista culturale, ci rendiamo conto che sono due forme di costrizione molto simili…”  E la Maraini prosegue poi con  le sue equiparazioni tra i modelli  derivati da “convenzioni stereotipate” basati sul linguaggio della seduzione nel mondo occidentale  pretesa dal “mercato” e , sul fronte islamico, sulla negazione della seduzione in nome di una “religione punitiva”.

No, cara signora Maraini e colleghi vari, le due “costrizioni” non sono simili e non hanno lo stesso potere di condizionamento e induzione alla sottomissione. E’ sbagliato e fuorviante metterle sullo stesso piano, per non scegliere da che parte stare e non decidere, con la logica e la mancanza di coraggio di un Ponzio Pilato.

Intendiamoci, nemmeno io ignoro il potere di condizionamento delle mode, nel vestire e in tanti altri settori, diffuse dai mezzi di comunicazione, a loro volta condizionati dal “mercato”. E il condizionamento è tanto più potente quanto più è debole culturalmente ed emotivamente la persona che vi è esposta (donna o uomo, giovane o adulto che sia). Ma io, donna  che vive in Occidente in un paese democratico, alle mode posso resistere e nessuno, padre, marito o prete o comunità locale o legge nazionale, mi può costringere a seguirla; mi ci posso sottrarre  come e quando voglio senza che nessuno mi punisca, o isoli,  o condanni. Anzi, nel mio piccolo, il “mercato” posso essere io stessa ad influenzarlo, comprando o non comprando certi prodotti invece di altri.

Il bikini è diffuso, ma non obbligatorio per nessuna. in Occidente. Un giorno lo posso indossare, il giorno dopo no; posso mettermi un costume intero o un pareo o un camicione; lasciare i capelli al vento o  indossare un cappellino, a seconda  della mia voglia, del mio buon gusto, o cattivo gusto, o delle condizioni del tempo. Non è una “divisa” simbolica di nulla, se non di una libertà  di esibire, vestire o svestire il proprio corpo, che può a volte anche sconfinare nel cattivo uso della libertà (e succede, ma è male minore, di scelta personale e, volendo, rimediabile).
Ma sempre libertà è, sostanziale e fondamentale, che i nostri intellettuali, sempre troppo pronti a colpevolizzare la nostra “civiltà”  (di cui pure sono  protagonisti corresponsabili e beneficiari), inclini al masochismo e ad un  assurdo timore reverenziale e ad  una  preventiva  sottomissione alla retriva “cultura” islamica (talvolta in certi Stati sconfinante nella barbarie, nella crudeltà e nell’ingiustizia  istituzionalizzata contro le donne), dovrebbero difendere a voce alta e senza se e senza ma.
Quando le donne islamiche, nei paesi del Medio Oriente e in Occidente, potranno godere delle stesse nostre libertà, allora si potranno  fare certi parallelismi o equiparazioni, che oggi come oggi sono sbagliatissimi.

Lo stesso dicasi a proposito  dei tanti, troppi, casi di violenza sulle donne e dei femminicidi, ancora così frequenti nel mondo occidentale, che testimoniano il persistere di una mentalità  maschilista aggressiva e possessiva, dura a morire nonostante l’evoluzione culturale, il contesto sociale e le tutele legislative volte ad affermare l’uguaglianza e la difesa dei diritti delle donne.
C’è ancora tanto da fare per sconfiggere questa propensione alla sopraffazione maschile anche in Occidente, ma guardando avanti, per migliorare, non certo guardando indietro  o adeguandosi ai “detti” e agli esempi di vita famigliare del profeta Maometto di 1400 anni fa ( o imitando i Paesi dove a tutt’oggi vige la sharia). Diventiamo “come loro”, se accettiamo quel che vogliono “loro”, non se cerchiamo di impedire (anche con qualche divieto ben motivato) che facciano prevalere le “loro” discriminanti e punitive imposizioni o consuetudini. 
Posso concordare con Dacia Maraini quando scrive che ” La vera libertà consisterebbe nello stare comodi, nella possibilità di muoversi liberamente, di prendere il sole senza fare il verso alle peggiori pubblicità della seduzione mediatica, nello stare in armonia sfuggendo sia al linguaggio delle ideologie che del mercato”.
Ma ribadisco che, mentre è possibile per le donne in Occidente sfuggire alle imposizioni del mercato, alla maggior parte delle donne islamiche è precluso ancora oggi sottrarsi alle imposizioni e ai condizionamenti delle ideologie politico-religiose e delle tradizioni millenarie,  e scomode, discriminanti e anche se fuori tempo e fuori luogo, punitive e inopportune. 
E gli “intellettuali” dell’Occidente non fanno nulla per aiutarle a liberarsene, anzi le spingono a restare sottomesse in eterno dicendo loro che in fondo anche noi non siamo libere coi nostri bikini…. Che è come dire: Quindi, care islamiche tenetevi pure i vostri burka, burkini, chador, abbayah e fazzolettoni in testa, volenti o nolenti, libere o non libere, è affar vostro…. Noi ce ne laviamo le mani…

Relativismo etico tra fede e ragione

Einstein 1921. E.O. Hoppe per LifeE’ comprensibile e legittimo che i capi di una religione esaltino i benefici spirituali che possono derivare a quanti ne rispettino i contenuti. Ma non è del tutto corretto, anzi si potrebbe rilevarne gli estremi di una “pubblicità ingannevole, sostenere che solo la fede religiosa è l’unico ed esclusivo mezzo per praticare il bene e raggiungere la “salvezza” dell’uomo. E’ vero che ci sono tanti esempi di persone che, animate dalla fede in un Dio e in una religione, hanno condotto una vita esemplare e generosa e fatto del bene all’umanità; e penso soprattutto , ma non solo, ai tanti missionari cristiani che mettono in pratica i fondamentali insegnamenti evangelici e spendono la propria vita per alleviare le sofferenze altrui. Ma è anche vero che se una fede religiosa non è accompagnata dalla ragione e dal senso di giustizia e rispetto per gli altri, può produrre effetti tragici e disastrosi. Gli esempi negativi in proposito abbondano, per tutte le religioni, nella storia e pure nel presente; ci vorrebbe un libro solo per elencarli. Le sanguinarie Crociate, le sofferenze, le torture e le condanne a morte inflitte dalle “Sante Inquisizioni” per secoli, le guerre di religione tra cristiani, le “Guerre sante” degli islamici , gli omicidi e le stragi perpetrate dai fanatici di varie fedi stanno lì a dimostrarlo, senza ombra di dubbio. Bisogna poi tenere presente che anche gli atei, gli agnostici o quanti non si riconoscono in un sistema di credenze religiose fissate in “libri sacri” e strutturate in dogmi e riti, possono essere animati da un fede profonda in valori umani e sociali che non sono meno apprezzabili e costruttivi di quelli connessi alle religioni. Anche tra questi gli esempi non mancano. Basti pensare ai tanti eroi civili del Risorgimento e della Resistenza, ai giudici onesti e agli uomini delle forze dell’ordine che si sono sacrificati consapevolmente in difesa della giustizia, penso a quanti operano con disinteresse, intelligenza e forza morale per il progresso della scienza, per la difesa della libertà e dei diritti umani, pur non essendo credenti o praticanti nel senso letterale del termine. Voglio ricordare solo l’esempio che ci viene dai giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, morti a distanza di due mesi l’uno dall’altro, vittime della mafia che avevano cercato di sconfiggere con le armi della legge e della giustizia, accomunati dallo stesso impegno etico civile pur conoscendo i rischi che correvano. Non andava a Messa il primo, ci andava il secondo. Che differenza di valori c’è tra l’uno e l’altro? Evidentemente si può arrivare allo stesso risultato percorrendo strade intime diverse. In ultima analisi, ciò che conta è la forza morale interiore di ogni uomo, quale che sia il sistema di valori, religiosi o semplicemente civili, in cui crede.

Non tutti riescono a trovare i valori cristiani, o i valori fondanti per la propria vita, o l’espressione della propria spiritualità, nelle genuflessioni e nei segni di croce, nelle processioni dietro una immagine o dietro prelati pomposamente e arcaicamente vestiti, nelle “ore di adorazionedavanti ad un tabernacolo, nello spargere di incensi, nell’ascolto ogni domenica di una “parola di Dioidentificata nelle lettere che S. Paolo scrisse quasi duemila anni fa ai Corinti e agli Efesini, nelle ripetizioni mnemoniche di preghiere, litanie e rosari (  mantra, o altro versetto “sacro” di altra religione …). Chi trova conforto in queste pratiche, liberissimo deve essere, e buon pro gli faccia.

Ma il fatto che ormai solo il 15-30 % della popolazione, ufficialmente cattolica o cristiana, non le segua più, deve pur significare qualcosa. E quel 70-80% di un popolo, che pur si definisce cristiano ma non frequenta regolarmente le funzioni religiose, non deve essere tutto schiavo del demonio o costituito da persone prive di moralità, potenziali delinquenti o aspiranti nazisti.

Se è pur vero che la ragione non porta automaticamente alla verità; verità che va sempre cercata, ridefinita, perfezionata, come un traguardo che si sposta sempre in avanti, nemmeno la fede religiosa è sinonimo di verità, poichè si basa su affermazioni, tradizioni, consuetudini e dogmi che vogliono restare immutabili nel tempo, nonostante abbiano causato anche tanti effetti perversi o si siano rivelati per tanti aspetti superati e in contrasto con l’evolversi del pensiero, delle esigenze umane e col progresso della scienza e della conoscenza.

L’idea di Dio che tutti noi ci portiamo dietro dall’infanzia, abitando in Paesi con una  cultura religiosa dominante o prevalente (cattolica, o protestante, o musulmana, o ebraica, o induista, ecc..) ci viene dalla lettura, praticamente imposta attraverso la catechizzazione infantile, delle rispettive “Sacre scritture”. Ma va ricordato che le tre grandi religioni monoteiste si basano tutte su testi che non sono stati scritti direttamente e personalmente dai profeti a cui si ispirano, Mosè, Gesù, Maometto, ma che riferiscono “verità rivelate”, cioè dichiarazioni attribuite a patriarchi o “profeti”, misteriosamente scelti da Dio come messaggeri della sua parola, solo ad essi “rivelata” e poi tramandata nei secoli dai loro seguaci, dapprima per via orale e poi per iscritto.  Questo assunto apre la porta a tanti interrogativi e legittimi dubbi da parte di chi non si sente di “accettare a scatola chiusa” queste presunte rivelazioni divine.

Intanto non è possibile avere la ragionevole certezza che i testi “sacri” giunti fino a noi, attraverso un viaggio bi­millenario e tanti passaggi orali e scritti, e traduzioni da una lingua all’altra, siano la copia esatta di quelli originari dettati da profeti ed evangelizzatori. E’ anzi certo che siano stati parzialmente ritoccati, con aggiunte o cancellazioni, volute dai compilatori per favorire determinate convinzioni, o capitate per errori di trascrizione, traduzione e interpretazione. In ogni caso, anche se i libri della Bibbia, Vecchio e Nuovo testamento (e del Corano e altri testi “sacri”) fossero davvero l’espressione esatta fino all’ultima virgola di quanto dichiarato dagli antichi profeti e messia, è lecito affermare che le “verità rivelate”, sono, per loro stessa natura, “verità relative”, frutto di convinzioni umane maturate dai compilatori di tanti secoli fa, rabbini, evangelisti, teologi, imam e califfi, santoni o guru, diverse a seconda dei luoghi e dei tempi. “Verità di fede” dunque, vere e valide per chi ci crede, per chi le accetta per convinzione o tradizione della famiglia e del luogo in cui è nato. E la fede è sentimento soggettivo; il modo di vivere ed esprimere una fede varia da individuo a individuo, a seconda del suo bagaglio culturale, del suo carattere, della forza morale, della minore o maggior coerenza tra dire e fare. E ognuno dei credenti ha una sua idea di Dio, non esattamente uguale a quella degli altri. Spesso i capi religiosi rimproverano e accusano i non credenti, o diversamente credenti, di “relativismo” morale e ideale: ma è un’accusa ingiusta e impropria, perché si può affermare il contrario senza tema di smentita, osservando semplicemente quanto è accaduto e accade nel mondo, e cioè  che: nulla è più “relativo” delle religioni. Non possiamo ignorare infatti che da sempre ogni popolo della terra ha avuto una “ sua” religione, sue divinità, mitologie ed eroi leggendari, con credenze, regole, riti, culti, feste e divieti che venivano tramandati di generazione in generazione, e ai quali i singoli non potevano sottrarsi perché ne venivano educati fin da neonati ed erano di fatto costretti all’osservanza per tutta la vita, dalla culla alla tomba, dal contesto sociale, politico e religioso in cui vivevano. Ogni popolo era pertanto animato dalla convinzione che solo la propria religione era quella “vera”, con valore assoluto; e ogni pensiero o atto non conforme era considerato sacrilego e contro Dio, quindi punibile dagli uomini che detenevano il potere su questa terra e da Dio dopo la morte, in un ipotetico Inferno, o luogo di maledizione in un al di là comunque chiamato. Non possiamo ignorare che, in un’ Europa pur già evoluta culturalmente come quella del 1500, quando si trovò ad affrontare la “Riforma “ religiosa proposta da Lutero, non si seppe far di meglio che impugnare le armi e dilaniarsi in feroci guerre di religione tra cristiani cattolici e cristiani protestanti. E per far cessare i bagni di sangue, si trovò infine un accordo (pace di Augusta, 1555) sul principio del “cuis regio eius religio” che tradotto letteralmente significa “a ogni regione la sua religione” e, nella sostanza, che ogni popolo avrebbe dovuto praticare la religione del Principe o Re dello Stato in cui si trovava. E chi non l’accettava poteva emigrare nello Stato con la religione che preferiva; scelta ovviamente molto onerosa. Non è  quindi frutto di una vera libertà di scelta  se un popolo, o  gli abitanti di una nazione o di una regione,  praticano, o si dichiarano credenti  di una stessa religione.

Inoltre, la Bibbia ha avuto ed ha tante interpretazioni diverse e ha alimentato tante religioni e sette, spesso in sanguinaria competizione tra loro, e comunque con regole diverse per i fedeli e per gli stessi ministri del culto (si pensi ad esempio al celibato dei preti, imposto solo ai cattolici). Quella del cristianesimo è una galassia molto composita, a partire dai tre grandi filoni in cui si è divisa: cattolici, ortodossi e protestanti o “riformati”. Lungo sarebbe l’elenco dei gruppi religiosi, più o meno estesi, che dicono di ispirarsi alla Bibbia o anche al Vangelo. Non parliamo delle persone che dicono di trarre da essi la propria guida morale: ci si ritrova in compagnia con uomini onesti e pii, con capi di stato guerrafondai, con generosi benefattori e con feroci torturatori, con persone di cultura e altre di estrema ignoranza, e spesso anche con grandi bugiardi, delinquenti ed esaltati, e tanta superstizione. Se non è relativismo religioso questo…..

Si può anche far rilevare che l’osservanza di una etica fissata nei dogmi di una religione, può essere considerata, a rigor di logica, debole e passiva, se non è frutto di libera scelta volontaria e consapevole, ma è indotta o imposta dal contesto religioso, culturale, sociale e politico in cui l’individuo vive. Tutt’al più si può parlare di osservanza o obbedienza, ma non di una vera etica responsabile e adeguata per una umanità che voglia vivere esprimendo tutte le proprie facoltà intellettive e spirituali, in primo luogo senza rinunciare alla propria libertà di pensiero. Ancor più relativa è la cosiddetta morale cattolica, che così come viene vissuta da tanta parte di fedeli ed ecclesiastici, è di fatto una doppia morale, o la persistente vecchia morale del “mercato delle indulgenzeche suscitò le ire di Lutero. Qualunque peccato, colpa o delitto, può venire “perdonato “ con la recita di preghiere e “atti di dolore, confessione, comunione, frequenza ai riti e pellegrinaggi, a un dato santuario, meglio ancora se accompagnati da offerte alla Chiesa. E’ una morale sostanzialmente basata su un interessato “do ut des”. Si chiedono grazie a Dio in cambio di offerte e preghiere, più o meno come si faceva con gli antichi rituali pagani e le offerte sacrificali praticati un po’ ovunque nel mondo in forme diverse. Il fedele che si comporta male nella vita, ma accetta le regole dei culti fissate da una tradizione, e si sottopone al giudizio di un confessore, può godere di una assoluzione pronunciata “ in nome di Dio”. Ma è veramente etico o morale tutto questo?

Il matrimonio cristiano è considerato sacramento indissolubile e il divorzio è proibito per un cattolico osservante. Ma poi la Chiesa stessa in molti casi ne sancisce l’annullamento attraverso il suo Tribunale della Sacra Rota. La Chiesa condanna ogni pratica che limiti le nascite o ogni forma di aborto e soppressione di embrione appena concepito, ma poi ha promosso o benedetto guerre, e mantenuto per due millenni la pena di morte nei propri ordinamenti. Si potrebbe continuare ancora con l’elencazione delle contraddizioni e degli esempi di relativismo etico nell’ambito della religione cristiana e in specifico di quella cattolica, soprattutto in Italia.

Ma il vero guaio non sta tanto in questo relativismo di fatto praticato anche dai credenti; il pericolo nasce quando si vogliono imporre i valori religiosi come valori assoluti, e quando non si tollera ombra di critica o di dubbio. Ritenendo di essere unici possessori della “verità” e unici interpreti della “volontà di Dio”, gli assolutisti non si fermano davanti a niente e credono di potersi permettere qualsiasi cosa; in primis di imporre agli altri, con qualsiasi mezzo, la propria “verità” e le proprie regole di vita.

A fronte dei danni che può provocare l’assolutismo etico-religioso, ben venga quindi il relativismo. Un relativismo che sia sinonimo di laicità, intesa come libertà per tutti, di credere o di non credere, di sottomettersi in parte o in tutto agli insegnamenti e alle regole di una religione, o di rifiutarle, secondo la propria coscienza, senza violare i diritti altrui e senza pretendere di imporle agli altri, meno che mai come leggi di uno Stato.

Perché solo le religioni devono essere considerate intoccabili e indiscutibili? Perché certi capi religiosi si possono permettere di porsi al di sopra di tutti, arrogandosi il diritto di parlare in nome di Dio pur essendo comuni mortali come noi, con pregi e limiti come tutti? Non è giunto il tempo in cui si possa essere liberi di credere e di pregare secondo le proprie convinzioni,  senza subire anatemi  o condanne sociali (quando non anche penali in certi Stati)? Non è ancora giunto il tempo in cui  non possa più essere consentito  parlare “in nome di Dio”, perché a nessuno dovrebbe essere consentita tale presunzione, basata su interpretazioni discutibili di testi  arcaici, scritti da uomini di millenni fa? A quando una religione  che sia solo fonte di speranza e carità, solidarietà e amore del prossimo e non fonte di potere politico?

Solo un approccio relativistico e non dogmatico o totalitario alle religioni ci può salvare dalle “guerre di religione”, e farci convivere pacificamente, ognuno con le sue credenze o scetticismi, nel rispetto reciproco (*)

(*) Estratto dal testo di Magda Barbieri  “Non nominare il nome di Dio invano”. Agosto 2009 http://reader.ilmiolibro.kataweb.it/v/451514/Non%20nominare%20il%20nome%20di%20Dio%20invano#!

* La foto in alto raffigura Albert Einstein nel 1947; ripresa da Wikipedia, nella pagina dedicata alla sua biografia

** In basso, una raccolta di simboli religiosi che vuol  auspicare  una convivenza pacifica tra le religioni.  Auspicio purtroppo finora smentito   da una tragica realtà , passata e presente, di conflitti e abusi compiuti in nome di una religione  *** Immagine dal sito http ://www.google.it/imgres?imgurl=http://pasqualeavolio.ilcannocchiale.it/mediamanager/sys.user/52195/simboli%2520rel.jpg&imgrefurl=http://pasqualeavolio.ilcannocchiale.it/%3FTAG%3Dcrocifisso&h=324&w=391&sz=42&tbnid=uYPfQCrDMvB_8M:&tbnh=90&tbnw=109&prev=/search%3Fq%3Dsimboli%2Breligiosi%26tbm%3Disch%26tbo%3Du&zoom=1&q=simboli+religiosi&docid=RyiZQSqogT90_M&hl=it&sa=X&ei=XRhCT4X-FI_64QSLtOiNCA&sqi=2&ved=0CEoQ9QEwBA&dur=534

Scritto in Storia delle religioni| letto 3044 volte

Inserito da redazione il Dom, 19/02/2012 – 19:14

Storia della scuola pubblica a Castello d’Argile, da Napoleone ad oggi

14 - Avviso concorso per 2 maestri Argile 1878Castello d’Argile, dall’analfabetismo alla scuola per tutti, un percorso lungo 150 anni.
Credo non si possa capire il  valore e l’importanza del lungo e difficile percorso della istituzione  e della diffusione delle scuole pubbliche in Italia se non si conosce la situazione di partenza delle nostre popolazioni rurali, alla fine del secolo 1700. Situazione di  analfabetismo generalizzato che si protraeva da sempre, tra la gran massa di contadini, braccianti e artigiani precari. Nelle due piccole comunità di Argile e Venezzano,  per secoli soggette  alla giurisdizione dello Stato Pontificio e del Senato di Bologna, gli unici che sapevano leggere e scrivere, e spesso in un italiano abbastanza approssimativo, erano il parroco,  il medico e il farmacista (quando c’erano…); solo qualche fattore, o agente di campagna benestante, o bottegaio, o piccolo possidente potevano permettersi di pagare un maestro privato (in genere il parroco) o mandare i figli a imparare a leggere e scrivere presso le scuole private  di Cento e Pieve di Cento, gestite dagli ordini religiosi di Scolopi e Gesuiti.

… Si dovrà aspettare l‘arrivo delle truppe di Napoleone, le conseguenti riorganizzazioni territoriali dei Cantoni e delle nuove “municipalità” , con Sindaco e Consiglio comunale locale, per vedere, nel 1805, l’istituzione delle prime scuole pubbliche sia in Argile che a Venezzano e località vicine, sia pur con un solo maestro e poche decine di scolari, in locali di ripiego….

…. Con  la Restaurazione dello Stato pontificio, dopo il 1815, le comunità locali  vollero mantenere  aperte e attive le scuole pubbliche, sia pur tra enormi difficoltà e ristrettezze e con una frequenza di alunni ridottissima.

… Caduto lo Stato Pontificio e istituito il Regno d’Italia, solo nel 1861 si può vedere avviata una organizzazione dell’istruzione pubblica su tutto il territorio nazionale, estesa a tutti i comuni, con il supporto di una nuova legislazione che cominciava a rendere obbligatoria la frequenza per i bambini  dai 6 ai 9 anni. E si provvide  anche all’istituzione di scuole femminili.

… Ma ci vorranno poi ancora decenni  perchè l’obbligo scolastico fosse davvero rispettato….

** Vedi il testo integrale, con note, foto e documenti della ricerca storica nell’allegato:

Storia scuola Castello d’Argile. Dalla fine del 1700 ad oggi

Articoli diversi di storia locale e generale

Spigolatura. Dipinto di  DAMTesti già pubblicati negli anni scorsi sul sito www.pianurareno.org, nella sezione “Storia locale e generale” de “La nostra rivista “Reno, campi e uomini”

1) Il pane nella storia 
www.pianurareno.org/?q=node/1118

2) Le quattro stagioni delTeatro-Casa del popolo di Argile
www.pianurareno.org/?q=node/1378

3)Balene sull’Appennino bolognese e mammut nel ferrarese: fossili di casa nostra
www.pianurareno.org/?q=node/1984

Primo articolo su Il Resto del Carlino di Bologna. Novembre 1978

1- Primo articolo 23-11-78In alto. Lettera inviata e pubblicata nel 1976, quando facevo parte del Comitato di gestione della Biblioteca comunale, che allora era  compresa nel “Consorzio di pubblica lettura” della Provincia di Bologna

In basso: Il primo articolo  pubblicato su Il Resto del Carlino di Bologna, nel novembre 1978.
L’avevo scritto per richiamare l’attenzione sul problema dell’utilizzo degli ospedali e delle strutture sanitarie  di Cento e Pieve di Cento, per i cittadini di Castello d’Argile, qualora fossero stati inseriti nella futura USL 25 di S. Giorgio di Piano allora in  programma regionale.

Fu l’inizio di una collaborazione durata 10 anni (fino al marzo 1989), con la pubblicazione di oltre 2.000 articoli e svariate notizie brevi, su vari aspetti e fatti di vita e cronaca politica e sociale dei comuni della pianura centrale bolognese, da Castello d’Argile al territorio circostante.

Articoli vari di riflessione sulla religiosità.

Artialbero_maxcoli già pubblicati sul sito  del Gruppo di studi pianura del Reno, nella sezione di Storia delle religioni de ” La nostra rivistaReno, campi e uomini”:

www.pianurareno.org/?q=taxonomy/term/126  :

1) Appunti di  storia del Cristianesimo, da Gesù alle Chiese di oggi.
www.pianurareno.org/?q=node/4194

2) Animismo, fonte di tutte le religioni? 
www.pianurareno.org/?q=node/4143

3)  Umanesimo, illuminismo, razionalismo… da conoscere per capire.
www.pianurareno.org/?q=node/4055

4) Le religioni nel mondo
www.pianurareno.org/?q=node/4063

5) Relativismo etico, tra fede e ragione
www.pianurareno.org/?q=node/4057

6) Le radici cristiane d’Europa e le radici turche del Cristianesimo
www.pianurareno.org/?q=node/2622

7) Religiosità popolare. Una preghiera  non “canonica” in dialetto
www.pianurareno.org/?q=node/47

8) Religiosità e linguaggio popolare. Dalla preghiera all’imprecazione
www.pianurareno.org/?q=node/190

Brevi note storico-geografiche sul Reno

IL RENO OGGI (articolo già  pubblicato il 25-05-2006 sul sito del Gruppo di studi Pianura del Reno)

Il Reno è il fiume più importante dell’Emilia-Romagna, considerando a parte il Po, che  è un corso d’acqua di vasta portata, attraversa più Regioni e lambisce solo il confine nord della nostra, raccogliendo acque degli altri fiumi-affluenti emiliani della parte ovest.


Il Reno nasce in Toscana, nell’Appennino pistoiese, presso la località Prunetta e la conca delle Piastre; entra, dopo breve tratto, nel versante bolognese dell’Appennino e scende verso la pianura scorrendo in direzione nord fino a S.Agostino; da qui svolta verso est per raggiungere il mare Adriatico presso le valli di Comacchio.
Il suo alveo, dalla sorgente alla foce, è lungo km 211 e attraversa le tre province emiliane di Bologna, Ferrara e Ravenna. I comuni toccati dal suo percorso sono numerosi; da quelli appenninici di Granaglione, Porretta Terme, Vergato, Marzabotto a quelli pedecollinari di Sasso Marconi e Casalecchio di Reno fino alla città di Bologna; prosegue in pianura presso Castel Maggiore, Calderara e Sala Bolognese, Argelato e Castello d’Argile; lambisce S.Giovanni in Persiceto, scorre tra Cento e Pieve di Cento, tra Galliera, S.Agostino e Poggio Renatico; tocca i territori di Malalbergo, Baricella, Molinella e Argenta, fungendo in molti tratti da confine naturale tra bolognese e ferrarese; per finire nel ravennate dopo S.Alberto (Alfonsine).


Il bacino di raccolta delle acque del Reno è ampio e articolato e si avvale dell’apporto di vari torrenti e affluenti: il Limentra, il Brasimone e il Setta, che arrivano da valli laterali; poi il Lavino e il Samoggia, che si uniscono in territorio persicetano e il Dosolo di Bagno (Sala Bolognese), che confluisce presso lo stabilimento idrovoro nell’area del Bagnetto di Castello d’Argile.
Successivamente, nel tratto di direzione est, riceve l’Idice e il Quaderna (uniti), il Sillaro, il Santerno e il Senio dal bacino romagnolo. A nord il Reno e’ collegato col Po “grande” attraverso il “cavo napoleonico”, da Dosso di S.Agostino a S.Biagio di Bondeno; comunica anche col Po di Volano, utilizzando un tratto detto del Po “morto” di Primaro (da Traghetto all’Idrovia di Ferrara).


Al Reno è inoltre connessa una fitta rete di canali, di prevalente direzione sud-nord, i cui “cardini” principali sono il Navile, il Savena, l‘Idice e il Riolo, nel cui alveo a loro volta confluiscono altri fiumicelli e canaletti di irrigazione e scolo.
Tutto questo sistema di regolamentazione delle acque è frutto di un immane lavoro degli uomini che, per poter coltivare le terre basse di pianura troppo spesso allagate, e sopravvivere, sono intervenuti ripetutamente nel corso dei secoli per arginare, scavare, deviare, tagliare e raddrizzare anse, aprire e chiudere imbocchi e chiaviche, modificando sostanzialmente i percorsi originari e bonificando il territorio, per colmata e per prosciugamento con idrovore.
Attualmente, la competenza per il controllo, la manutenzione e la sicurezza del fiume Reno è attribuita alla Regione che ha istituito  una apposita “Autorità di bacino del Reno”.
Tutta la rete dei canali e fossati collegati direttamente o indirettamente alla riva destra del Reno, è gestita dal servizio del Consorzio dellaBonifica Renana, istituito nel 1909, con l’unione di 7 Circondari idraulici, già esistenti da secoli, e che si occupavano dei problemi relativi separatamente, distinti in varie “Congregazioni Consorziali”, o “Assunterie” o Commissioni di “Interessati” alla “Riviera” di ogni corso d’acqua.
Della riva sinistra si occupa da decenni il Consorzio Reno Palata.


Il corso attuale del Reno, con immissione (o foce) autonoma nell’Adriatico, ha avuto la sua collocazione definitiva tra il 1767 e il 1795 con poderosi lavori di scavo e arginatura deliberati e attuati dalle Legazioni Pontificie di Bologna e Ferrara, in accordo con il Ducato di Venezia, dopo secoli di controversie e tentativi falliti, e sempre segnati dal dilemma sulla convenienza o meno della immissione del Reno in Po, “grande” o di “Primaro“.
La storia del Reno è dunque molto lunga e complessa, e si è svolta su un’area di pianura più vasta e anche diversa da quella toccata attualmente. Una storia ancora non del tutto conosciuta e certa, che merita quindi altri studi e approfondimenti che ci piacerebbe ospitare anche sulla nostra pubblicazione.
Del passato indicheremo qui solo alcune tappe, in estrema sintesi, come pro-memoria didascalico.

IL RENO ANTICO

Il Reno è un fiume antichissimo e alle sue acque è legata la storia dei primi insediamenti umani nel bolognese, dapprima nelle zone collinari e poi nel più grosso centro chiamato dagli Etruschi “Felsina” e dai Latini “Bononia” ed espandendosi via via anche nella pianura bolognese-ferrarese.
Insediamenti testimoniati da numerosi reperti archeologici risalenti all’età della pietra, del bronzo e del ferro (dal 1500 circa avanti Cristo) trovati a Marzabotto, Sasso Marconi, Casalecchio, a Bologna e a Villanova di Catenaso.

Nelle acque del Reno si sono bagnati gli Etruschi (VI-IV secolo a.C.) e i Galli (IV-II sec. a.C.); con le sue acque, l’argilla e le canne delle sue rive sono state costruite le prime capanne e sono state impastate le ciotole e i vasi di terracotta in cui si sono sfamati e dissetati. E si presume siano stati proprio i Galli, e in particolare, una loro tribù (i Boi) di discendenza celtica, a dare il nome a questo fiume, chiamandolo Reinos (o Rheinos), come il più grande fiume da essi conosciuto nell’area nordeuropea da cui provenivano, tra Francia e Germania. In lingua celtica “reinos” aveva il significato generico di “corso d’acqua”, o “corrente” (o, almeno così è scritto in alcuni testi).

Poi vennero i Romani (dal 189 a.C.) e gli storici del tempo gli dedicarono solo qualche rara e generica citazione scritta, indicandolo come il “Reno piccolo di Bologna”, ultimo affluente appenninico del Po, ricco di acque e di robuste canne (ne parlarono Plinio il Vecchio, e Silio Italico nel I secolo dopo Cristo).  Ma intorno al Reno i Romani lavorarono e bonificarono il territorio, costruirono strade e ville rustiche, dentro la caratteristica rete di cardini e decumani detta “centuriazione”.
Se certo e quasi obbligato era fin dagli inizi il suo percorso tra le gole delle colline, incerto e variabile è stato per molti secoli il suo percorso in pianura.

1) Gli studiosi di storia e idrogeologia più accreditati ritengono che il Reno in origine, uscendo da Casalecchio e dopo aver costeggiato Bologna, scorresse più verso est, dalla zona di Pescarola-Corticella alle terre più basse di Minerbio e Baricella per innestarsi in un alveo antico del Po a sud di Ferrara (detto poi Primaro).
2) In una seconda fase, l’alveo di pianura si sarebbe spostato più ad occidente, e, quindi dalle anse del Trebbo, o da Corticella, doveva scorrere verso S.Maria in Duno, S.Giorgio di Piano, S.Pietro in Casale e Poggio Renatico, raggiungendo il Po a sud di Ferrara, se e quando riusciva ad arrivarci, poiché di frequente e a lungo nei secoli le sue acque hanno ristagnato in una vasta area valliva tra bolognese e ferrarese.

3) Successivamente, avrebbe trovato un altro percorso, dal Trebbo a Malacappa a ovest di Argelato e Funo, passando poi tra Argelato, Venezzano e S.Giorgio, e tra S.Pietro in Casale e Galliera per immettersi ancora nel Po di Primaro. Si presume che questo alveo sia stato attivo in epoca romana e che abbia lasciato tracce nei canaletti e fosse ancora presenti in territorio del comune di Argelato (Fossa Storta, Fossa Quadra) e in buona parte nell’attuale canale chiamato Riolo (sul confine tra Venezzano e S.Giorgio).  Nel tratto più a nord, nell’area tra il Ravone di Bologna e Corticella le sue anse formavano un’isola che fu detta “del Triumvirato” poiché nell’anno 43 avanti Cristo vi si riunirono i 3 Triumviri di Roma (Ottaviano, Antonio e Lepido) per decidere il da farsi dopo la morte di Cesare.

4) Nel periodo altomedievale, probabilmente tra 900 e 1000, da alcuni riferimenti toponomastici rilevati nei più antichi documenti, si può dedurre che il Reno scorresse ancora da Malacappa verso i Ronchi di Venezzano e quindi tra Venezzano e Argile, per proseguire verso nord tra Pieve e Asia. Significative sono le antiche citazioni e la persistenza in Venezzano dei toponimi “gorgo”, superiore ed inferiore, e “lamari” (tramandato nelle due vie Allamari, Nord e Sud).
Le sue acque poi si spandevano ancora molto spesso nelle valli di Galliera, Altedo, Malalbergo, Baricella e Poggio Renatico, senza raggiungere stabilmente il Po.

5) Intorno al 1100 (anno più, anno meno), una probabile rottura di argini con una nuova inalveazione spontanea sostenuta poi dalle opere degli uomini, fecero deviare il Reno dalla sua originaria direzione, imponendo una ampia svolta verso ovest e l’area persicetana chiamata Morafosca, scorrendo tra Bagno e Argile. Il nuovo alveo riprendeva poi il cammino verso nord, passando a ovest di Cento e incanalandosi per vari rami, in tempi diversi, compresa una temporanea congiunzione col Panaro; paleoalvei testimoniati dalla persistenza di toponimi come Volta Reno, Reno Vecchio, Dosso, Corporeno, Renazzo e Reno Centese.
Le variazioni successive avvenute nel corso del II millennio sono abbastanza documentate e possono essere così sintetizzate:

* 1451-1460. Spostamento dell’alveo, che da tre quattro secoli costeggiava il territorio allora più vasto del comune di Castello d’Argile (alveo riconoscibile nella via di Cento ancora oggi detta “Reno vecchio”), su un corso scavato qualche chilometro più ad est,l nuovo alveo passava poi tra Pieve e Cento e proseguiva verso nord e il Po di Primaro. Questa nuova inalveazione determinò la riduzione del territorio del comune di Castello d’Argile con la separazione della comunità di Bagnetto, rimasta a ovest del Reno nuovo, raggiungibile solo con la barca ai “passi” dei Cappellani e in fondo alla via del “Postrino”.
in seguito alle “rotte” di Bagnetto e Bisana. I

* 1604. Chiusura dell’imbocco di Reno nel Po e lungo periodo di spagliamento delle acque di Reno nelle Valli tra Galliera e Malalbergo.

* 1614. Taglio della ansa detta “botta di Cola” tra Cento e Pieve.

* 1630-1690. Vari tagli di anse e raddrizzamenti del fiume traMalacappa, Savignano e Volta Reno, fino all’altezza del Palazzo Sampieri. Modifica dell’immissione del Samoggia in Reno, con il taglio di una ansa del Reno presso il “Malcantone” di Argile, che isolò un altro frammento di territorio argilese (detto “le tre case di Bagnetto”).

* 1767-1795. Inalveazione definitiva del Reno tra S.Agostino (FE) al Mar Adriatico, utilizzando il “cavo benedettino” (fatto scavare da Papa Benedetto XIV e poi interrotto) e una parte del Po di Primaro.

* 1884-1887. Taglio della “Volta” del Reno tra Bagno, Volta Reno e Argile, con un nuovo “drizzagno” su cui fu costruito un ponte in muratura (da qualche anno in disuso e sostituito da uno nuovo).
 
Magda Barbieri
 
Sintesi da “La terra e la gente di Castello d’Argile e di Venezzano ossiaMascarino“, di M. Barbieri, vol I 1994 e vol II 1997. Tip. Siaca Cento

PS: In altro articolo di questa sezione vedi  una bibliografia sul Reno e i comuni maggiormente interessati ai problemi d’acque. 

(*) Foto in alto : il Reno presso Baricella-Passo Segni, visto dal ponte Bailey, da Mauro Fizzoni. 

Sotto: uno stralcio della mappa di A. Chiesa, del 1742, che evidenzia i tratti di alvei antichi di Reno e Samoggia tra Castello d’Argile e il territorio persicetano, e il corso settecentesco del Reno, con l’ampia “volta” a sud di Argile, soppressa nel 1887.